Emanuela: chi sono?

Contatti Emanuela.it

  • Email, segreteria telefonica e fax
    Potete contattarmi via email
    A Genova sono nata, cresciuta, e ora ci vivo e lavoro, ma ho il telefono e il fax "milanesi" perché sono numeri "virtuali":
    Segreteria tel.: +39 02 320622699
    Fax: +39 02 700505816
    Facebook: Emanuela Gazzolo

Cerca nei quartieri di Genova:

Categorie

Quartiere di Sarzano Sant'Agostino (Genova)

Siamo sul Secolo XIX!

Siamo sul Corriere Mercantile!

Siamo per la terza volta sul Secolo XIX!

« Palazzo Ducale - Sabato per famiglie: appuntamento per bambini dai 5 agli 11 anni | Principale | Centro Storico patrimonio dell'Umanità... »

07/01/08

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

BOSS

CARO BEPPE SEI UN GRANDE E, SE TI CANDIDERAI IO TI VOTERO' IN QUALSIASI SEDE...SE TI PUO' INTERESSARE TI SEGNALO CHE IN ALBARO STANNO CERCANDO DI COSTRUIRE DEGLI IMMOBILI DI LUSSO AL POSTO DELLE SERRE DI PEIRANO GRAZIE AD UNA LEGGE CHE CONSENTE LO SPOSTAMENTO DI AREE FABBRICABILI NELLO STESSO COMUNE. TRATTASI DI UNA SPECULAZIONE EDILIZIA CHE STRAVOLGERà IL TERRITORIO PER SOLI FINI SPECULATIVI IN QUANTO NON SARANNO CERTAMENTE ABITAZIONI POPOLARI...VEDI TE

martina

Grazie Beppe per quanto stai facendo ! speriamo che gli Italiani aprano gli occhi...abbiamo un governo vergognoso e le piccole amministrazioni (comuni) copiano male..quindi sono ancora peggiori !
un'abbraccio e grazie siamo con te !

ivana

Caro Beppe,ti inviamo alcune nostre riflessioni.
Come saprai,da mesi è in atto la solita periodica campagna denigratoria nei confronti del Centro Storico. Sicuramente ci sono degli interessi economici da parte dell'Amministrazione, come è già successo in passato.

La campagna denigratoria a mezzo stampa nei confronti del Centro Storico sta sortendo un effetto devastante: aggressioni,scippi e furti ai danni di ragazzi e adulti, vengono presentati come se fossero all'ordine del giorno, con il chiaro intento di dequalificare e svilire determinate zone del centro storico.
Il fine di questa operazione che, a quanto pare, trae vantaggio da taluni episodi di crimilità, ci pare sia quello di ghettizzare una zona per abbatterne il valore sia storico sia economico al fine di poter acquisire il tutto a prezzi vantaggiosi per eventuali speculazioni.Chi è nato e chi vive quotidianamente nel centro storico di Genova può fare un esame di realtà: alcuni pericoli sono sicuramente esistenti,( in special modo in orari più che notturni),ma statisticamente altri quartieri e zone di Genova e altre grandi città italiane sono, purtroppo, altrettanto rischiose.
Questa tecnica diretta a danneggiare e screditare il Centro Storico ha già ottenuto i suoi effetti molteplici volte. Ciclicamente le attività commerciali devono lasciare la zona per mancanza di passaggio, gli appartamenti subiscono un continuo sali scendi del loro valore reale a seconda dei titoli più o meno allarmistici dei giornali, i turisti evitano, anche pilotati da guide opportunamente addestrate, di visitare le parti più belle e antiche del Centro Storico.
Nulla si fa per agevolare gli interventi delle forze dell'ordine che risultano difficoltosi a causa di inefficienti dissuasori stradali che impediscono un pronto intervento, di personale ridotto,di insufficienza e mal funzionamento di mezzi di controll, come le telecamere situate nei punti strategici che non permettono un controllo efficiente.
Un altro degli aspetti demonizzati è quello della Movida: vi ricordate il silenzio degli anni 70/80 in cui le notti erano deserte e buie e per trovare un bar aperto o un locale o per mangiare una pizza bisognava spingersi fino alla Foce o in Riviera? Allora sì che era meglio non circolare per quei vicoli oscuri e tetri! Indubbiamente l'assenza di perturbazioni sonore regnava sovrana, tranne qualche litigio tra prostitute e clienti e qualche rissa tra ubriachi con tanto di bestemmie e coltellate.
Ovviamente i decibel vanno regolamentati, i gestori dei locali devono vigilare su di una clientela troppo rumorosa, ( e alcuni già lo fanno) ma la presenza di gente, specie di ragazzi e studenti universitari può soltanto aiutare a vivificare una zona che ne ha tanto bisogno. Quindi un pò di tolleranza, pazienza per un fine comune e invece di "mugugnare" senza costrutto bisogna cercare di essere propositivi e quando alcuni articoli smaccatamente diffamatori compaiono su qualsiasi organo di stampa è indispensabile controbattere argomentando il proprio dissenso.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Partecipa anche Tu!

  • Inviaci segnalazioni, testi, foto, commenti e suggerimenti!

    Vuoi scrivere anche Tu su questo sito?

    Hai già un tuo blog o un tuo sito internet dove parli già del Tuo quartiere?

    Inserisci un commento oppure scrivimi a:

    Vuoi saperne di più? Clicca qui!

I blog dei quartieri di Genova:

Genova per i bambini:

Statistiche Centro Storico Genova

Partita IVA di questo sito:

  • IT-01735790212

Cerca su Google

  • Google

Pubblicità

Pubblicità:

Pubblicità::